Depuratore d’acqua domestico, 3 soluzioni a confronto

depuratore acqua

Quando arrivi alla cassa ti accorgi che il carrello della spesa è pieno per meta di bottiglie d’acqua, c’è chi la vuole gassata, chi naturale, chi leggermente frizzante e poi l’ardua impresa di portare in auto e a casa un carico degno di una bestia da soma. Ti sorprenderà apprendere che sono sempre meno le persone in Italia che comprano l’acqua in bottiglia, visto che molti si sono resi conto che conviene acquistare un depuratore d’acqua domestico per risparmiare fatica e danaro.

Il nostro paese da molti anni è il primo acquirente al mondo di acqua imbottigliata, nonostante sia anche il più fornito di acqua sorgiva potabile di tutta l’Europa. La quantità di falde, laghi, fiumi che forniscono acqua potabile è sterminata e tutto il territorio potrebbe vivere della migliore acqua senza doverla pagare profumatamente. Comprare l’acqua al supermercato costa da 1.000 a 3.000 volte di più dell’acqua che sgorga dal rubinetto, ma la gran parte degli Italiani preferisce ancora affrontare questa spesa piuttosto che bere l’acqua di casa.

Questo comportamento deriva o dal colore, odore o sapore dell’acqua quando esce dal rubinetto o dalla diffidenza di molti nell’ingerire un liquido che usiamo per molteplici scopi. Tutti gli altri paesi al Mondo usano l’acqua del rubinetto come fonte principale da cui attingere per dissetarsi e l’uso dell’acqua in bottiglia è pressoché sconosciuto e costosissimo. Forse un depuratore d’acqua domestico riuscirà a eliminare queste diffidenze e aiutarti a migliorare la qualità della tua vita e il tuo portafogli.

Depuratore d’acqua domestico a osmosi inversa o microfiltrazione?

La scelta della migliore soluzione di filtrazione dell’acqua sembra una scelta difficile e, nonostante i primi sistemi di depurazione d’acqua risalgano agli anni ’60, ancora oggi c’è molto disorientamento quando arriva il momento di acquistare un depuratore d’acqua domestico.

Abbiamo già affrontato il tema della filtrazione in un altro articolo a cui rimandiamo per approfondimenti e ti anticipiamo che l’individuazione del sistema più adatto alle tue esigenze è più semplice di quanto possa sembrare a primo acchito.

depuratore d'acqua domestico a osmosi
Livelli di filtrazione e cosa viene rimosso dalle membrane.

Il depuratore d’acqua domestico non deve essere selezionato in base alle proprie preferenze o gusti personali, ma da un’analisi oggettiva delle condizioni reali dell’acqua che arriva in casa, valutando principalmente i seguenti fattori:

  • Certificazione di potabilità dell’acqua
  • Presenza di cloro
  • Stato dell’impianto idrico

Anche altri indicatori, come colore, sapore e odore, sono importanti per la scelta di installare un depuratore, ma al momento interessa capire “quale” depuratore d’acqua domestico sia più adatto alle tue esigenze.

È abbastanza agevole capire se l’acqua che esce dal rubinetto è potabile, ti basterà controllare la bolletta di fornitura idrica del tuo gestore o verificarlo sul sito web del tuo comune di residenza. Ogni Ente o fornitore è obbligato a fornire al cittadino le analisi dell’acqua che esce da ogni acquedotto e il tipo di trattamento di disinfezione che viene praticato prima della distribuzione.

Quando avrai capito se l’acqua che usi è potabile dovrai verificare se è stata clorata. La clorazione si pratica da oltre 100 anni in tutti i paesi civilizzati, aiutandoci a debellare gravi malattie e a metterci al sicuro da infezioni da virus, alghe, funghi e batteri. Il sapore e l’odore sgradevole sono il prezzo da pagare per avere un acqua salubre, ma questo rappresenta un inconveniente facilmente risolvibile con la filtrazione.

Il dato relativo all’impianto idrico domestico o condominiale è facilmente reperibile chiedendo all’amministratore o verificando di personalmente la tenuta dei serbatoi. Probabilmente saprai se le tubature di casa sono in metallo o di materiali multistrato e se hai di fronte un impianto di nuova costruzione o datato.

Dopo aver raccolto queste informazioni avrai i tre seguenti scenari:

Se l’acqua è potabile e clorata

Depuratore Acqua Kit Everpure 4C completo di Kit installazione

le soluzioni migliori sono i depuratori d’acqua domestici a:

    1. microfiltrazione 0,5 micron con filtri ai carboni attivi o resine a scambio ionico (ideale)
    2. ultrafiltrazione con filtri ai carboni attivi e resine a scambio ionico
    3. nanofiltrazione

L’acqua che proviene dall’acquedotto è analizzata periodicamente da laboratori indipendenti e presenta tutti i requisiti per il consumo umano, con la sola eccezione del sapore e dell’odore alterati dall’aggiunta di cloro e della limpidezza per eventuali problemi legati alle condutture e serbatoi che attraversa durante il tragitto verso casa.

I moderni impianti di microfiltrazione riescono a bloccare tutti i solidi sospesi che vengono raccolti dall’acqua nelle tubature e, grazie ad altri filtri (fasi o stadi) che vengono aggiunti, riesce a rimuovere il cloro e i suoi derivati organici (trialometani) per ridare all’acqua il sapore e l’odore originari. Con un buon depuratore a microfiltrazione a tre stadi otterresti la stessa acqua che viene estratta dalla falda prima di essere clorata.

Se l’acqua è potabile, ma non clorata

Depuratore Acqua Profine Gold Small Kit Installazione Sotto Lavello Micro Filtrazione 0,1 Micron Antibatterico.

ti sconsigliamo un depuratore d’acqua domestico a microfiltrazione, dato che non è capace di eliminare eventuali virus e le uniche soluzioni sono:

    1. ultrafiltrazione 0,1 micron (ideale)
    2. nanofiltrazione

L’acqua potabile non clorata è solitamente quella che proviene da un pozzo privato e, nonostante fuoriesca fresca e pura, potrebbe trasportare alghe, virus, funghi e batteri raccolti durante il trasporto verso la tua abitazione o attività di ristorazione. Un impianto di microfiltrazione potrebbe trattenere solo solidi sospesi, funghi, batteri e alghe, mentre eventuali virus resterebbero nella tua acqua. Solo gli impianti di ultrafiltrazione sono in grado di rimuovere particelle così piccole e garantire l’originaria purezza e salubrità dall’acqua. Anche le fasi aggiuntive ai carboni attivi e alle resine a scambio ionico non garantiscono la rimozione di questi rischi.

Depuratore d'acqua domestico, 3 soluzioni a confronto  Articolo

Il sistema che ti consigliamo è quello della Profine che ha le seguenti caratteristiche e un costo molto contenuto:

  • Conforme al DM 25/2012
  • Elimina odori e sapori sgradevoli
  • Riduce il cloro e i derivati organici (trialometani)
  • Impedisce il passaggio di batteri e virus con efficacia al 99,99999%
  • Usa una sola cartuccia in cui sono presenti tutti gli stadi di filtrazione
  • Puoi aggiungere altri filtri per l’eliminazione selettiva di altre sostanze, come arsenico, nitrati, calcare, perfluoroalchilici
  • La sostituzione della cartuccia è semplicissima e non necessita di utensili
  • Produce 3 litri di acqua al minuto (versione Small dell’impianto)
  • Il filtro si cambia dopo 7.000 litri di acqua
  • Richiede una pressione dell’acqua da 2 a 6 bar (normale pressione domestica)
  • La sua membrana di filtrazione ha dei pori di appena 0,1 μm
  • Dentro la cartuccia è presente un pre-filtro e un filtro a carboni attivi
  • Sono disponibili anche cartucce per bar, ristoranti e hotel da 5 e 7 litri per minuto che producono fino a 15.000 litri di acqua. Si consiglia di installare un contatore di litri / tempo per tenere sotto controllo l’usura del filtro.

Se l’acqua non è potabile

AEG Osmosi inversa per la filtrazione dell'acqua potabile installabile sottolavello, 6.8 bar, Bianco

l’unico sistema consigliato è:

  • osmosi inversa

Puoi solo affidarti a un sistema estremo di iperfiltrazione come l’osmosi inversa e fare analizzare l’acqua prodotta da un laboratorio specializzato. Spenderesti una somma più alta e come risultato avrai acqua potabile.

I sistemi a osmosi nascono da esigenze militari e riescono a rendere potabile anche l’acqua del mare o le pozze di fango, al prezzo di una demineralizzazione che sfiora il 99%. I migliori depuratori a osmosi inversa possiedono, però, una post-fase che re-mineralizza l’acqua e la riporta alle condizioni ottimali.

I sistemi ad osmosi inversa si sono affermati, soprattutto tra i chi ha paura delle troppe impurità disciolte nell’acqua, integrando le sostanze perse con il consumo abbondante di frutta e verdura nel caso si acquisti un dispositivo senza lo stadio finale di re-mineralizzazione.

Anche chi possiede un pozzo dovrebbe preoccuparsi dell’acqua che sta bevendo a causa del peggioramento delle falde acquifere a cui assistiamo negli ultimi anni, soprattutto con l’introduzione dei fertilizzanti e dei pesticidi.

Altro inconveniente dell’osmosi inversa è lo spreco di liquido durante la filtrazione e la fase di risciacquo. Alcuni depuratori usano fino a tre litri di acqua per produrne uno e ne sprecano anche di più per il risciacquo della membrana usando il flusso inverso. Il prodotto che ti consigliamo spreca soltanto un litro di acqua per ogni litro prodotto.

Non mancano gli innegabili vantaggi nei casi in cui si abbiano seri dubbi sulle condizioni igienico sanitarie delle tubature e dei serbatoi di raccolta dell’abitazione e che obbligherebbero a usare l’acqua imbottigliata. Nonostante gli sforzi di alcuni detrattori degli impianti a osmosi inversa, continuiamo a pensare che sia meglio usare un depuratore d’acqua domestico a iperfiltrazione piuttosto che acquistare l’acqua al supermercato, per una serie di considerazioni:

  • L’acqua depurata costa meno di quella confezionata, anche considerando gli sprechi durante la produzione.
  • La quantità di materiale plastico per la distribuzione (bottiglie e imballi) è una delle più grandi cause di inquinamento.
  • L’acqua imbottigliata percorre anche migliaia di chilometri per essere trasportata fino a casa nostra, con conseguente produzione di sostanze inquinanti.
  • Qualche commerciante lascia sconsideratamente le bottiglie di acqua in PET sotto i raggi del sole, con gravi conseguenze per la salute di chi la beve.

Tutte queste considerazioni potrebbero farci preferire un impianto di depurazione a qualsiasi tipo di acqua commercializzata, anche delle migliori marche.