Come scegliere un depuratore di acqua frizzante sottolavello

depuratore di acqua frizzante sottolavello

Se vuoi acquistare un impianto di depurazione perché non sei soddisfatto della qualità dell’acqua che sgorga dal tuo rubinetto, ma non vuoi rinunciare all’acqua fresca e gassata, ti piacerà sapere che esistono degli ottimi impianti di depurazione multifunzionali, molto simili a quelli in uso in molti bar e ristoranti. Con una spesa contenuta potrai risparmiare molto denaro, che prima destinavi all’acqua imbottigliata, dotandoti di depuratore di acqua frizzante sottolavello che puoi installare facilmente in casa. Inoltre, eliminerai tutta la plastica che viene usata per il confezionamento che, inevitabilmente, doveva essere smaltita e finiva per contribuire all’inquinamento del nostro ambiente.

Può sembrare un’esborso eccessivo al momento di acquistare e installare un sistema di depurazione, ma in pochi mesi ti accorgerai che il risparmio è considerevole. Se un litro di acqua imbottigliata costa circa 0,10-0,50€ al litro, con un impianto di depurazione il costo sarò di circa 0,00015€-0,00020. Il prezzo dell’acqua che arriva al nostro rubinetto è, infatti, di circa 15-20 centesimi di euro per 1.000 litri e con una famiglia di 4 persone riuscirai a ripagare l’investimento in un solo anno. Se deciderai di installarlo in un medio-grande ufficio, invece, il risparmio sarà anche superiore.

Per la produzione di acqua frizzante con un depuratore d’acqua sottolavello il risparmio sarà leggermente inferiore poiché il costo delle bombolette di CO2 incide sulla spesa complessiva, ma ha il grande vantaggio di erogare solo l’acqua gasata che usi, evitando che disperda il gas quando viene riposta in frigorifero. Questi sistemi di trattamento dell’acqua sono totalmente invisibili e silenziosi e occupano poco spazio sotto il tuo lavello. In questa guida ti illustreremo quali sono i vantaggi e gli svantaggi di un depuratore di acqua domestico con gasatore e refrigeratore e ti indicheremo qual è il modello migliore sul mercato, al prezzo più conveniente.

 

Come scegliere un depuratore di acqua frizzante sottolavello

Il termine depuratore di acqua è molto generico e lascia intendere qualunque sistema di trattamento dell’acqua del tuo rubinetto che vuoi usare per uso alimentare. Negli ultimi anni, molti produttori e commercianti hanno usato questo termine per indicare qualunque sistema, dotato di un filtro, per raffinare l’acqua e renderla più gradevole al palato.

Quindi, qualunque impianto di microfiltrazione, ultrafiltrazione e iperfiltrazione (osmosi inversa) viene indicato allo stesso modo, senza distinzioni. Eppure si parla di sistemi totalmente diversi che potrebbero non essere adatti al tipo di acqua che arriva nella tua casa o nel tuo ufficio. Abbiamo già affrontato questo problema nella nostra guida sui depuratori e, in questo articolo, faremo solo brevi cenni sulle sommarie differenze tra di loro.

  • Innanzitutto, se l’acqua di casa è potabile non corri alcun rischio per la tua salute e il problema può essere solo legato alla presenza di sedimenti o al cattivo sapore della bevanda. La presenza di uno residuo sabbioso negli aeratori dei rubinetti (rompigetto) è la prova di una scarsa manutenzione del sistema idrico comunale o condominiale (tubature e serbatoi), mentre il cattivo sapore deriva dalla presenza di alogeni (cloro e iodio) o dei residui rilasciati dopo l’evaporazione del cloro (trialometani).
    In questo caso non avrai bisogno di un impianto a osmosi inversa, a meno che la presenza di minerali disciolti nell’acqua non sia eccessiva e ritieni possa essere dannosa per la tua salute. Ti ricordiamo che la presenza di calcare (carbonato di calcio) in eccesso non è un problema e rappresenta, invece, un apporto di sostanze utili al tuo organismo.
    In passato era molto diffusa la convinzione che questa sostanza potesse danneggiare i reni, ma i recenti studi scientifici dicono esattamente il contrario: il carbonato di calcio disciolto in acqua, a livelli di 60-200 mg per litro, ha un effetto positivo sul sistema cardiovascolare, riduce l’assorbimento dei grassi durante la digestione, previene l’osteoporosi e serve a inibire la formazione di cellule tumorali.
  • Se, invece, l’acqua di casa proviene da un pozzo privato oppure non conosci la provenienza e sospetti che non sia potabile, puoi optare per un sistema a iperfiltrazione (osmosi inversa) con refrigeratore e gasatore. La presenza di livelli di concentrazione elevati di carbonato di calcio e altri minerali (oltre i 200 mg/l) può risultare dannosa per la tua salute e ne andrebbe ridotta la quantità fino a raggiungere un valore accettabile.
    Puoi verificare la durezza della tua acqua con un misurazione della conducibilità e dei sali disciolti in acqua

    Migliore depuratore di acqua frizzante sottolavello a osmosi inversa

    Se l’acqua che sgorga dal tuo rubinetto non è potabile, per l’eccessivo contenuto di carbonato di calcio o di altre sostanze disciolte che ne compromettono la salubrità, la scelta non può che andare su un depuratore di acqua a osmosi inversa con gasatore (non possiede refrigeratore).

    Esistono pochi modelli in commercio dotati di membrana osmotica e alcuni di questi sono degli adattamenti artigianali di impianti a osmosi inversa a cui è stata aggiunta una bombola di CO2.

    Il depuratore a osmosi inversa che ha incontrato la nostra preferenza è senza dubbio il RSonline  della ForHome.

    La macchina è dotata di 2 filtri al suo interno, un filtro a sedimenti 5 micron in linea e un filtro Carbon Block della Everpure, che agisce a livello organolettico eliminando odore, colore, sapore, cloro e clorammine. Il filtro in linea Carbon Block è di facile installazione e sostituzione, grazie al giunto a baionetta, senza l’uso di particolari attrezzi (sostituzione consigliata ogni 6 max 12 mesi). Anche il filtro in linea a sedimenti 5 micron è di facile installazione e sostituzione e se ne consiglia la sostituzione ogni 6-12 mesi.

    Il sistema osmotico, invece, è gestito da 2 membrane da 100 GDP che andrebbero sostituite ogni 2-3 anni, ma dipende dalla quantità di acqua erogata e della qualità dell’acqua in ingresso.

    depuratore acqua frizzante

    Si tratta di un sistema avanzato e completo per il trattamento dell’acqua ad uso alimentare, estremamente compatto e funzionale è in grado di produrre acqua a flusso continuo, eliminando la necessità di un serbatoio di accumulo (che potrebbe essere causa di batteri). Il corpo centrale è molto silenzioso, grazie alla sua pompa in ottone raffreddata ad acqua che ne consente un uso continuativo senza surriscaldamento. Inoltre è molto compatto (solo 10 cm di larghezza) e si può montare sia in verticale che in orizzontale, anche sotto lo zoccolo della cucina.
    Al suo interno è stato installato un sistema AcquaStop, che previene perdite di acqua e allagamenti, ed è dotato di centralina elettronica per il controllo della qualità dell’acqua erogata. Grazie al suo sistema di ricircolo riesce a recuperare il 40% di acqua di scarto che andrebbe sprecata, riducendo l’impatto sui consumi e sull’ambiente.

    Consigliamo sempre l’acquisto di un misuratore elettronico del residuo fisso dell'acqua (TDS) che testa la concentrazione di sali minerali presenti nell’acqua. Maggiore è la presenza di sali minerali e minore è la purezza dell’acqua. Il valore ottimale che si deve raggiungere è di circa 60-200 ppm (parti per milione) che corrisponde a 60-200 mg di sali disciolti per litro (6-20°f), tale valore può essere controllato (aumentato o diminuito) da un rubinetto miscelatore presente nell’impianto a osmosi inversa (nel retro della macchina è indicato come “MIX”).

    Caratteristiche tecniche impianto

    • Produzione nominale: 60/70 lt/h
    • Pressione di esercizio: 9-10 bar
    • Pressione H2O ingresso: min.1 max 4 bar
    • PH min – max: 5,5 – 7,5
    • T.D.S. max disciolta in H2O: 2000mg/l
    • Alimentazione: 230 V – 50 Hz
    • Potenza motore pompa: 200W 220V 50Hz Raffreddamento ad Acqua
    • Portata in litri pompa: Pompa Rotativa a Palette “Fluid o Tech” ad alta pressione in ottone.
    • Abbattimento Medio: >95%
    • Tipo di Membrana: 100 GPD
    • Numero membrane: 2
    • Tipo di Filtri: n.1 filtro a sedimenti 5 micron + n.1 filtro Carbon Block
    • Dimensioni (cm): H 45 L 10,5 P 43
    • Peso: 16 Kg
    • Colore: frontale come foto, cabinato color Blue.

    Caratteristiche filtro in linea a sedimenti 5 micron

    • Capacità filtrante: 5 micron
    • Autonomia: 9500 litri (sostituzione cartuccia ogni 6 mesi / max 1 anno)
    • Portata: 2,8 l./min.
    • Pressione: la pressione in ingresso non deve superare gli 8,6 bar
    • Attacco ai tubi: filettati femmina 1/4″
    • Dimensioni: 2,5″ x 10,5″

    Caratteristiche dell’acqua da trattare

    • Temperatura: max 35°C
    • Pressione: min.1 bar – max 5 bar
    • Cloro (Cl2): max 2,0 mg/lt
    • Conducibilità: max 2000 -S al cm2

    Incluso nella confezione

    • N.1 – Macchina ad osmosi inversa CO2 Ready
    • N.1 – Filtro ai carboni attivi granulari da 0.5 μ
    • N.1 – Filtro sedimenti da 0,5 μ
    • N.2 – Membrane da 100 GDP
    • N.1 – Raccorderia completa per installazione e allaccio alla rete idrica
    • N.1 – Libretto di istruzioni in italiano
    • N.1 – Rubinetto a 4 vie separate per:
      • Osmotizzata Naturale
      • Osmotizzata Frizzante
      • Calda
      • Fredda
    • Out Macchina/Rubinetto: 1/4″ John Guest)
    • N.3 – Bombole CO2 da 1 Kg cad. Ricaricabili con connettore tipo “ACME”

    [/amazon]

    Studi scientifici sui depuratori d’acqua

    1. University of East Anglia and Drinking Water Inspectorate. Review of evidence for relationship between incidence of cardiovascular disease on water hardness. Final report contract DWI/70/2/176;2005.
    2. Hornstra G, Barth CA, Galli C, et al. Functional food science and the cardiovascular system. Br J Nutr 1998;80(1):S113-46.
    3. Kobayashi J. On geographical relationship between the chemical nature of river water and death rate from apoplexy. Report of the Ohara Institute for Agricultural Biology 1957;11:12-21.
    4. Schoeder HA. J Am Med Assoc 1960;172:98-104.
    5. Sauvant MP, Pepin D. Food Chem Toxicol 2002;40:1311.
    6. World Health Organization. Nutrients in Drinking Water. Water, Sanitation and Health Protection of the Human Environment. WHO, Geneva; 2005.
    7. Monarca, S, Zerbini I, Donato F. Drinking Water Hardness and Cardiovascular Diseases: A Review of Epidemiological Studies 1979-2004. In: Nutrients in Drinking Water. Water, Sanitation and Health Protection of the Human Environment. WHO, Geneva; 2005.
    8. World Health Organization. WHO Guidelines for drinking-water quality. Third edition (2004).