Eliminare gli scarafaggi nelle tubature

scarafaggi nelle tubature

Se hai un vecchio impianto idraulico non dotato del classico “collo d’oca” ad ogni lavello o sanitario, è probabile che le blatte trovino un modo di risalire le condutture di scarico ed entrare in casa. Non è raro vedere spuntare questi scarafaggi dal lavandino durante le ore notturne e non è un bello spettacolo. Anche in cucina, dove l’igiene dovrebbe essere perfetta, possono saltare fuori degli scarafaggi alla ricerca di resti di cibo, per poi sparire all’alba.

Le blatte sono disgustose alla vista, ma non è questo che ti deve preoccupare, quanto la carica batterica che portano con sé e che possono lasciare sulle stoviglie di casa. Come puoi usare un piatto o una posata se hai il sospetto che uno scarafaggio possa averla toccata? Il rischio sanitario è altissimo e dovrai ogni volta sterilizzare ogni cosa per evitare di ammalarti.

Se abiti in un piano seminterrato o ai piani bassi di una vecchia abitazione il problema degli scarafaggi nelle tubature è reale, anche se è molto più probabile che le blatte accedano attraverso porte e infissi. In questo caso, la loro presenza nel lavandino del bagno e della cucina è normale perché possono vivere senza mangiare per un mese, ma solo pochi giorni senza bere. A molti è capitato di vedere delle blatte nel lavandino che cercavano di rifugiarsi nello scarico, ma questo non significa che siano venuti da lì.

Il tuo problema può essere risolto e per farlo hai due possibilità: usare degli insetticidi o dei rimedi fa da te. Sono tutti sistemi validissimi per debellare gli scarafaggi nelle tubature con una spesa di pochi euro.

Il vantaggio di avere una fossa biologica (tipo IMHOFF) consiste nel potere controllare le condizioni di igiene e, all’occorrenza, intervenire con lo svuotamento della fossa e il trattamento disinfestante e igienizzante. In presenza di impianti di scarico dotati di “curve tecniche“, i cosiddetti “colli d’oca“, alcune blatte non riescono a risalire le tubature e arrivare fino al bagno o alla cucina, mentre altre non conoscono ostacoli e riescono e sbucare dalle pilette di docce e lavabi, andando in casa a caccia di cibo.

In realtà, alcuni di questi insetti hanno la capacità di arrampicarsi in pareti totalmente lisce (Blattella Germanica), grazie a delle ventose nelle zampette. Inoltre, le blatte riescono a sopravvivere anche 45 minuti sott’acqua, ma se le trovi nel gabinetto è possibile che siano cadute all’interno mentre cercavano di bere e non siano riuscite più ad uscirne.

Le tubature di scarico sono comunque un rischio e un potenziale punto di ingresso, perché sono percorse all’interno da questi scarafaggi, l’altezza dell’edificio è rilevante e i piani più bassi possono essere invasi, mentre quelli più alti saranno risparmiati. Il rimedio consiste nel sigillare eventuali crepe presenti nei muri vicino alle tubature dell’acqua e dello scarico, poi dovrai eliminare tutte quelle che sono entrate e si sono nascoste in casa.

Il luogo in cui si nascondono in bagno è, solitamente, nel retro di sanitari e lavandini. Anche quelli sigillati, a volte, nascondono delle fessure che consentono alle blatte di annidarsi al loro interno.

Il rimedio più rapido e aggressivo è quello a base di cipermetrina concentrata che va immessa direttamente nelle tubature di scarico e mandata verso la fossa IMHOFF o pozzo nero. Questa operazione è molto delicata perché le blatte tenderanno a fuggire in ogni direzione per evitare di essere annientate. Per evitare di vederli sbucare da ogni parte, devi tappare ogni scarico di lavandino, water, bidet, non dimenticando i buchi del “troppo pieno”.

Si tratta di un’operazione di sterminio che durerà molti mesi, perché l’effetto repellente della cipermetrina è molto duraturo. Se la fognatura ha degli sfiati esterni vicini all’abitazione, potrai trovare numerose blatte morte o moribonde all’esterno.

CIPEX 10E
224 Recensioni
CIPEX 10E

Cipex 10E insetticida adulticida liquido a base di cipermetrina, indicato contro insetti volanti e striscianti: zanzare, mosche, vespe, tafani, pulci, zecche, punteruoli, tignole, blatte, formiche, termiti,etc.

Il flacone, inoltre, si usa in forma concentrata e va immesso il liquido direttamente nel gabinetto o attraverso un lavandino, usando delle apposite mascherine e facendo areare abbondantemente il locale.

Per procedere alla disinfestazione del locale dalle blatte che sono rimaste in casa, ti invitiamo a leggere le seguenti guide che abbiamo creato:

In nostro consiglio è quello di dotare il lavandino, la doccia e il bidet di un sifone a “U” o usare dei tappi. Ogni tanto puoi versare nei lavandini della cucina e del bagno della candeggina o dell’aceto (di vino e di mele) per rimuovere l’odore del cibo che attira gli scarafaggi nelle tubature.

Altro rimedio è quello a base di acido borico. Crea un impasto composto da:

  • 50% di acido borico
  • 50% di burro di arachidi, oppure lievito di birra fresco o strutto

Crea delle piccole palline e inseriscile negli scarichi non dotati di sifone. Si tratta di una potente esca che stermina intere colonie di insetti, ma usa sempre i guanti per queste operazioni, specialmente se usi l’acido borico concentrato (quello in polvere).

Puoi usare queste esche anche dietro gli elettrodomestici e i sanitari. Questo metodo è infallibile se qualche blatta fosse sfuggita alla cattura o avesse depositato le sue uova.

Clicca per votare l'articolo
[Totale: 2 Media: 5]