Topi di fogna, come eliminarli

Ratto Marrone
Fonte: Dluogs

Prima il Rattus rattus, poi il Rattus norvegicus, ora anche il Ratto del Gambia. A popolare le fogne di ogni continente ci sono le specie più grosse e aggressive di topi e ratti in grado di aggredire anche gatti di grossa taglia. Non smettono mai di accoppiarsi e crescono a ritmo incontrollato, i ratti sono la specie più infestante, seconda solo agli scarafaggi.

Negli Stati Uniti, il ratto del Gambia, il Cricetomys gambianus, con i suoi 90 cm di lunghezza, sta soppiantando lentamente le altre specie in circolazione. Questo ratto, nel paese di provenienza, è un essere docile e socievole, spesso un ottimo compagno di giochi dei bambini gambiani. Nelle fogne si scatena, invece, tutta la sua aggressività per trovare il cibo necessario a garantirgli la sopravvivenza.

I topi di fogna rappresentano la specie più fastidiosa che si è diffusa in Europa nell’ultimo secolo. Oggi, nel Regno Unito, il numero di questi roditori ha superato gli 80 milioni ed è in continua crescita. Questi topi di fogna rappresentano un grande rischio per la salute per la carica batterica che trasportano. Se vuoi sapere come allontanare i topi di fogna o eliminarli ti forniamo una semplice guida in questo articolo.

Potrebbe interessarti:

Come si chiamano i topi di fogna 

Il vero nome di quelli che chiamiamo “topi di fogna” è “Rattus Norvegicus” appartenente alla superfamiglia dei Muroidei. Anche la definizione di Ratto Norvegese è impropria, dato che la provenienza pare sia l’Asia (area tra la Cina, la Mongolia e la Siberia).

Tra tutti i topi di fogna, questa specie è considerata la più adattabile e, per via della sua duttilità e resistenza, è riuscita a soppiantare altre specie come il ratto nero. La diffusa urbanizzazione ha consentito a questo animale di trovare il proprio habitat ideale, dato che predilige gli stessi luoghi di insediamento dell’uomo e approfitta dell’abbondante presenza di cibo e scarti per sopravvivere.

I topi di fogna o, meglio, i ratti di fogna sono molto grandi, arrivando a misurare anche 40 cm e pesare fino ad oltre 1 kg.

topi di fogna
Topo di fogna – Fonte: Peter O’Connor aka anemoneprojectors

Un altro topo che può trovare rifugio nelle fogne è il ratto gigante del Gambia. Questo esemplare, anch’esso della superfamiglia dei muroidei, ha un corpo gigantesco: può arrivare a pesare anche 3 kg e misurare 90 cm, circa 50 cm senza coda.

Questo ratto africano è considerato nella patria di origine un animale domestico, spesso compagno di giochi per i bambini. Inoltre, è utilizzato nelle opere di sminamento dei territori di guerra grazie al suo incredibile olfatto.

I topi di fogna sono pericolosi?

Tutti gli animali hanno una carica batterica potenzialmente pericolosa per l’uomo, e questa è maggiore per quelli che presentano un pelo folto e frequentano luoghi insalubri, come le fogne. Questo vale, quindi, per i topi di campagna che sono veicolo di pulci, ma anche per i topi di fogna che oltre alle pulci trasportano batteri che prolificano nelle chiaviche.

Il pelo del corpo e della coda rastrella una grande quantità di batteri potenzialmente dannosi per l’uomo che, però, raramente creano danni all’uomo. Grazie alla medicina, la maggior parte delle patologie trasmesse dai ratti è curabile, se si dispone dei farmaci giusti e si segue una corretta profilassi.

topo di fogna
Fonte: pete beard

Dopo aver toccato un topo o un ratto basterebbe lavarsi accuratamente le mani per evitare spiacevoli disagi, cosa che purtroppo non avviene tra lo popolazioni sottosviluppate che hanno delle usanze tali da compromettere la salute di intere popolazioni.

Alcune tribù africane hanno l’abitudine di non lavarsi le mani e attingere al cibo dallo stesso piatto, trasmettendo così pericolosi batteri a tutti i commensali.

La malattie che vengono trasmesse dai topi di fogna sono: la salmonella, la peste (trasmessa dalle pulci), la leptospirosi, il tifo murino (trasmessa dalle pulci) e il colera.

Il colera e la salmonella sono trasmessi attraverso le feci che questi roditori depositano sul cibo (riserve di frumento) e la cottura di questi alimenti infetti potrebbe evitare la trasmissione di queste malattie.

Topi di fogna, come eliminarli

Esistono diversi rimedi per eliminare i topi di fogna dal giardino, dal tetto, dalla casa, dal garage, ecc. Inoltre, il metodo di eliminazione varia in base al destino che vogliamo riservare a questi intrusi. C’è chi vuole ucciderli o chi semplicemente vuole sfrattarli dalla propria casa in maniera rispettosa.

Per eliminare un topo esistono molte modalità ma tra tutte vale quella della dissuasione. Se i topi di fogna sono vicino a te è perché trovano quello che cercano, ossia il cibo. Basterà, quindi, far sparire ogni fonte di alimento perché gli ospiti ti abbandonino in poche ore per cercare un’altro luogo dove mangiare (i topi di fogna vivono in tane o nidi a 50 m massimo dal luogo in cui si alimentano).

Ecco alcuni consigli per eliminare i topi di fogna

  1. Sigilla ogni alimento in contenitori di metallo. I contenitori in metallo sono inespugnabili e non permettono ai roditori di praticare dei fori. Altri materiali, invece sono incapaci di ostacolare la dentatura di questi animali, che riescono a grattare e bucare il cemento. Ti consigliamo barattoli come questi:
  2. Sigilla la compostiera con reti metalliche. Avvolgi la compostiera con della rete metallica in ogni sua parte, non permettendo ai topi di fogna di accedervi. Seleziona una maglia molto stretta dato che alcuni topi di fogna riescono a penetrare anche anfratti di 2 cm.
  3. Usa bidoni della spazzatura in metallo. Stesso principio dei barattoli per conservare il cibo vale per il contenitore per gettare i resti. Se lasci il cibo in un ambiente esterno, sarà meglio dotarsi di bidoni come questi:
  4. Se non puoi sigillare gli alimenti, riponili in luoghi inaccessibili. Questo vale per tutti gli alimenti in scatola che non puoi riporre dentro i contenitori in metallo. Adibisci degli spazi a dispensa e accertati che non vi sia alcun tipo di accesso a questa, e ricordati che i topi di fogna possono riuscire ad aprire un’anta senza problemi;
  5. Adotta una gatto procurandogli del cibo nella misura adeguata (troppo cibo lo farebbe diventare ozioso e apatico, poco cibo lo indurrebbe ad andare via);
  6. Procurati della lettiera per gatti usata (l’odore dell’urina allontana i topi di fogna);
  7. Usa degli spray repellenti nelle zone in cui possono trovare rifugio, come questo:
  8. Sigilla ogni accesso alla casa o al locale da proteggere con della lana d’acciaio e del sigillante:
  9. Usa dei repellenti per topi a ultrasuoni per farli allontanare. Questi repellenti sono molto funzionali, ma alcuni di loro sono fastidiosi per i vostri animali domestici. Leggi attentamente le controindicazioni nel caso tu abbia in casa, cani, gatti, criceti, uccelli, ecc. Se non sai quale modello scegliere puoi consultare la nostra guida ai migliori scacciatopi a ultrasuoni.
  10. L’uso di trappole per topi consente di catturare le bestiole senza ucciderle riponendo all’interno del cibo. Queste trappole sono molto efficaci per catturare questi roditori e non hanno controindicazioni di alcun tipo.
  11. Usare il bicarbonato contro i topi risulta essere un buon rimedio grazie al suo effetto repellente. Il bicarbonato di sodio può essere cosparso nei luoghi che sono frequentati dai topi e ratti o negli anfratti da cui il topi accede.
  12. Stesso effetto del bicarbonato hanno pure l’olio essenziale di menta piperita e le foglie di alloro. Riempi un vaporizzatore con 100 ml di alcool e aggiungi da 50 a 100 gocce di olio essenziale, quindi spruzza questo composto nelle zone della casa più a rischio.
Clicca per votare l'articolo
[Totale: 1 Media: 5]